Ad Patriam vocati

 

Giustino Béthaz, sacerdote gesuita, † 14 aprile 2021

Silvio Carlin, sacerdote salesiano, † 19 febbraio 2021

Annibale Nale, diacono permanente diocesano, † 12 febbraio 2021

Ugo Busso, sacerdote diocesano, † 11 febbraio 2021

 

«La messe è molta, ma gli operai sono pochi.
Pregate dunque il padrone della messe
perché mandi operai per la sua messe»
. (Lc 10, 2)

 

Ci ha lasciati padre Giustino Béthaz S.I.

 

Mercoledì 14 aprile 2021, nella città di Antananarivo in Madagascar, il Signore ha chiamato a Sé padre Giustino Béthaz S.I., missionario.

Padre Giustino nasce a Valgrisenche l'11 aprile 1929. Il 18 novembre 1946 inizia il noviziato nella Compagnia di Gesù a Cuneo per poi proseguire gli studi teologici a Chieri dove viene ordinato sacerdote il 10 luglio 1960. La vocazione missionaria lo porta in Madagascar, dove emette la professione solenne il 2 febbraio 1964. Il lungo ministero sacerdotale lo vede impegnato in diversi incarichi e in diversi luoghi, ma la sua terra eletta rimane il Madagascar dove si prodiga nell'educazione dei bambini e dei ragazzi e dove promuove e accompagna la fondazione della Missione da parte delle Suore di San Giuseppe di Aosta che continuerà a seguire costantemente. Padre Giustino rimane costantemente in collegamento con i famigliari e gli amici valdostani, cui fa visita quasi annualmente. Già novantenne riesce a pubblicare un volume di taglio scientifico che raccoglie la cultura, la storia, la geografia, il particolarismo del Madagascar. Nello scorso mese di gennaio, nonostante le preoccupazioni delle persone a lui vicine per il tempo in cui viviamo, fa ritorno nella sua comunità di Antananarivo. Anche lui viene colpito dal Covid e muore per l'insorgenza di complicazioni, pochi giorni dopo aver compiuto 92 anni.

La Chiesa valdostana lo ricorda con la celebrazione di due Sante Messe in suo suffragio:

sabato 24 aprile 2021 alle ore 18.30
presso la chiesa parrocchiale di Santa Maria Assunta in Villeneuve

sabato 1° maggio 2021 alle ore 18.00
presso la chiesa parrocchiale di San Grato in Valgrisenche.

 

Padre Giustino Béthaz S.I.
Padre Giustino Béthaz S.I.

Ci ha lasciati don Silvio Carlin, S.D.B.

 

Venerdì 19 febbraio 2021, presso l'Ospedale Parini di Aosta dove era ricoverato da circa un mese, il Padre ha chiamato a Sé don Silvio Carlin, Sacerdote salesiano della Comunità di Châtillon.

Don Silvio era nato il 27 giugno 1942 a Valsavarenche, paese al quale è stato sempre molto legato. Novizio tra i Salesiani di don Bosco negli anni 1961-1962 a Pinerolo, emise la prima professione il 16 agosto 1962 e quella perpetua il 30 luglio 1968. Fu ordinato Sacerdote il 25 marzo 1972. Licenziato in Teologia a Roma nel 1979 conseguì a Torino la Laurea in Lingue nel 1982. Svolse il suo servizio in diverse case salesiane del Piemonte. Fu Direttore a Valdocco San Domenico Savio (1985-1987), Valdocco Ispettorato (1987-1989), Valdocco Maria Ausilaitrice (1989-1993), Direttore del Postnoviziato a Roma San Tarcisio (1993-1999), Direttore a Châtillon (2000-2010 e nuovamente 2013-2017). Due volte Vicario ispettoriale (1987-1989 e 2010-2013). Negli anni di permanenza nella diocesi di Aosta ha sempre dato la massima disponibilità per venire incontro alle necessità pastorali in modo particolare assicurando personalmente o attraverso i Confratelli della Comunità di Châtillon la sostituzione dei Parroci e anche assumendo per molti anni in maniera stabile il servizio domenicale e festivo presso la Parrocchia di Valpelline e le Parrocchie vicine, dove era molto stimato per il suo tratto gentile, preciso e attento alle esigenze delle persone. In diocesi di Aosta è stato anche membro del Consiglio presbiterale. Dopo due anni di assenza, nei quali aveva svolto servizio a Colle don Bosco presso il Noviziato e la Parrocchia, l'anno scorso era tornato con gioia a Châtillon, riprendendo anche il suo servizio nella Valpelline e ricevendo l'incarico di seguire gli Ex-allievi.

La Santa Messa esequiale è stata celebrata nella chiesa parrocchiale di Châtillon lunedì 22 febbraio alle ore 15.00. È stata presieduta da Mons. Franco Lovignana, Vescovo di Aosta, mentre l'Ispettore salesiano don Leonardo Mancini ha tenuto l'omelia.

In attesa della risurrezione, la salma del caro don Silvio riposa nel cimitero di Châtillon.

 

Don Silvio Carlin, sdb
Don Silvio Carlin, sdb

Allegati

Ci ha lasciati il diacono Annibale Nale

 

Nella serata del 12 febbraio 2021, presso la sua abitazione, il Signore ha chiamato a Sé il diacono permanente Annibale Nale.

Era nato ad Aosta il 27 febbraio 1931. Di professione imprenditore, coniugato, con due figlie, era stato ordinato diacono permanente della diocesi di Aosta da Mons. Ovidio Lari il 7 settembre 1992. Ha esercitato il suo ministero presso la Parrocchia di Sant'Orso in Aosta e, fino a quando la salute glielo ha consentito, presso il Refuge Père Laurent. È stato membro del Consiglio pastorale diocesano e del Consiglio dell'Opera Pia delle Missioni.

La Santa Messa esequiale, presieduta da Mons. Vescovo, è stata celebrata in Cattedrale Lunedì 15 febbraio 2021 alle ore 14.30.

 

Diacono Annibale Nale
Diacono Annibale Nale

Allegati

Ci ha lasciati don Ugo Busso

 

Nella serata di ieri, giovedì 11 febbraio 2021, presso la Microcomunità di Hône, dopo qualche giorno di agonia, il Padre ha chiamato a Sé don Ugo Busso, già Parroco di Gignod, di Excenex-Arpuilles e di Signayes.

Don Ugo era nato a Issime il 2 maggio 1936 dov'è cresciuto nutrendo quel forte legame al particolarismo Walser che lo contraddistinguerà per tutta la sua vita. È stato ordinato sacerdote da Mons. Maturino Blanchet il 25 giugno 1961 e ha iniziato il ministero come insegnante al Piccolo Seminario. Dal 1961 al 1966 ha ricoperto anche l'incarico di assistente diocesano dei giovani dell'Azione Cattolica. Il 1° settembre 1968 viene nominato parroco di Sant'Ilario in Gignod dove rimarrà per quarantotto anni. Durante questo lungo periodo associa alla cura pastorale della comunità affidatagli anche un'intesa opera di restauro che interessa la chiesa parrocchiale, la canonica e le cappelle. Recupera il rustico adiacente il complesso parrocchiale trasformandolo nella casa di riposo per anziani nota con il nome di Oberdze. Nel 1999 viene nominato Amministratore parrocchiale di Excenex-Arpuilles, divenendone poi Parroco il 1° ottobre 2005 assieme alla Parrocchia di Signayes. Anche in queste Parrocchie svolge importanti interventi di restauro. A livello diocesano va ricordato il suo impegno presso la Caritas, prima come Delegato vescovile (dal 1990) poi come Direttore (dal 1998 al 2005). È stato anche membro del Consiglio presbiterale e del Consiglio pastorale diocesano. L'11 settembre 2016 si dimette dall'incarico di Parroco, ma continua a risiedere presso la canonica di Gignod. Venendo meno l'autosufficienza, dopo un breve ricovero in ospedale, negli ultimi mesi si ritira presso la Microcomunità di Hône, dove ha continuato a godere dell'affetto dei famigliari oltreché della cura del personale.

La Santa Messa esequiale, presieduta da Mons. Franco Lovignana, Vescovo di Aosta, è stata celebrata nella Cattedrale di Aosta lunedì 15 febbraio alle ore 10.30. Successivamente la salma del caro don Ugo ha raggiunto la natìa Issime per essere accolta nella chiesa parrocchiale dove alle ore 15.00 si è svolta una breve liturgia funebre, quindi è stata tumulata nella tomba di famiglia.

 

Don Ugo Busso
Don Ugo Busso

Allegati