Biblioteca Diocesana

La Biblioteca Diocesana - Bibliothèque du Grand Séminaire si trova ad Aosta in Via Xavier de Maistre 17, presso l'edificio settecentesco che ospita il Seminario Maggiore della Diocesi.

 

La consultazione presso la Biblioteca diocesana sarà nuovamente fruibile a partire da lunedì 18 maggio 2020 esclusivamente su appuntamento, da concordare scrivendo a biblioteca@diocesiaosta.it

 

Per accedere alla consultazione gli utenti dovranno essere muniti di dispositivi di protezione individuale (guanti e mascherina)

All'ingresso della Biblioteca saranno resi disponibili dispenser di gel disinfettante

Il materiale consultato sarà lasciato in isolamento e non sarà pertanto fruibile nei 10 giorni successivi alla consultazione

Si ricorda che chi avesse temperatura superiore a 37,5°C o presentasse sintomi influenzali è tenuto a non presentarsi e a darne tempestiva comunicazione al predetto indirizzo di posta elettronica

 

 

Cataloghi e catalogazione

OPAC PBE

OPAC SBN

 

Bibliotecario

Dott. Luca Jaccod

 

Contatti

tel.: +39 0 165 40115; e-mail: biblioteca@diocesiaosta.it

 

Breve nota storica sulla Biblioteca

La Bibliothèque du Grand Séminaire affonda le sue radici lontano nel tempo, in una istituzione religiosa e culturale che l'ha preceduta. Tale istituzione è la Biblioteca monastica del Prieuré de Saint Jacquême, antico Priorato dei Canonici Regolari del Gran san Bernardo ed anche residenza dei loro Prevosti fino alla metà del XVIII° secolo.
Il Papa Benedetto XIV soppresse il Priorato con la bolla In supereminenti Apostolicae dignitatis del 19 agosto 1752, disponendo il trasferimento dei suoi beni all'Ordine Mauriziano e della sua preziosa Biblioteca (4.000/5.000 volumi) al Seminario. Quando, nel 1773, Mons. de Sales riuscì ad acquistare l'intero complesso di Saint Jacquême per realizzarvi il suo Seminario Maggiore, riservò un'attenzione particolare alla sistemazione della Biblioteca.
Il nucleo antico della nostra Biblioteca proviene così direttamente dalla Biblioteca della Prevostura dei Canonici di San Bernardo, della quale conserviamo manoscritti, incunaboli, cinquecentine e diversi volumi successivi; di notevole interesse la presenza della biblioteca raccolta agli inizi del XVII° secolo dal Prevosto Roland VIOT, bibliofilo ed umanista.
La Biblioteca del Seminario è andata arricchendosi nel corso dei due secoli successivi soprattutto grazie ai lasciti di numerosi ecclesiastici. Due vanno espressamente menzionati: il lascito del canonico Louis GORRET nel 1928 mediante il quale sono arrivate in Seminario le biblioteche personali del donatore e di altri intellettuali locali, Antonio GAL, Pierre Etienne DUC, Pietro Luigi VESCOZ, Mgr Joseph Auguste DUC, l'autore della monumentale Histoire de l'Eglise d'Aoste (Aoste ... 1901-1915); i lasciti più recenti sono quelli di S.E. Mons. Amato Pietro FRUTAZ (+1981), per cinquanta anni Direttore della Biblioteca del Seminario, e di S.E. Mons. Ovidio LARI (+2007), già Vescovo di Aosta dal 1968 al 1994. La Biblioteca conta oggi circa 70.000 volumi.